QW. partiture collettive è la prima esperienza di co-progettazione per Standards realizzata insieme alla comunità di Mixité e agli artisti Riccardo Arena, Sonia Brunelli, Attila Faravelli e Nicola Ratti.

Il progetto si pone in continuità con la ricerca inaugurata da Standards lo scorso marzo 2020, durante il lockdown, con la serie QW – Quarantine Workout ovvero semplici istruzioni per eseguire esercizi sonori, cognitivi e fisici da praticare liberamente nel proprio spazio e con i propri tempi. Proseguendo questo percorso, QW. partiture collettive declina gli esercizi all’ascolto verso l’attenzione in senso esteso, a partire dalla relazione con comunità specifiche e marginalizzate. In particolare, il progetto è pensato e co-progettato con il Centro Diurno e Polo Aggregativo Mixité, i ragazzi e le ragazze che lo frequentano e gli operatori che lo abitano quotidianamente – parte della Cooperativa di Solidarietà Sociale Cascina Biblioteca.

Insieme agli autori coinvolti – l’artista visivo, ricercatore e docente Riccardo Arena, la coreografa e danzatrice Sonia Brunelli e gli artisti sonori e musicisti Attila Faravelli e Nicola Ratti – saranno realizzati tre cicli di laboratori con alcuni gruppi di adolescenti e bambini autistici, ragazzi e ragazze dotati di capacità cognitive ed esperienze del mondo differenti da quelle dominanti. Durante i laboratori indagheremo come la percezione sensoriale e l’attenzione del proprio corpo in relazione agli spazi della vita quotidiana possono essere molteplici; non esiste infatti una sola attenzione, un solo modo di ascoltare e un solo modo di abitare ma questi dipendono dal posizionamento di ciascun individuo, dall’esperienza e dal livello di inclusività strutturale della società.

Gli episodi di QW. partiture collettive prevedono la creazione di partiture (score) progettate durante i laboratori, nell’incontro tra pratica artistica e neurodiversità. Questo processo di ascolto, dialogo e scambio reciproco condurrà alla scrittura di tre partiture collettive ovvero esercizi all’attenzione presentati in formati particolari e diffusi pubblicamente, che chiunque potrà mettere in pratica e sperimentare. I tre episodi di partiture collettive saranno inclusi nella serie QW – Quarantine Workout.

______________________________________________________________

           Questo TRACCIARE
           prima della lettera
           non finirò di vederci ciò che nessuno
sguardo
           sarà anche il mio
           non ci vedrà mai – l’umano è là
           forse
           semplicemente
           senza nessuno infine, senza voce
           e TRACCIARE
           sono della mia mano che ha preso in
prestito la maniera di usare
           lo stile di questo Janmarie, che parla-
no non è così. E tutto
           ciò che posso scrivere proviene da
questo
           TRACCIARE che tutti gli scritti del
           mondo non rischiano di prosciugare.
(F. Deligny, Tracer-transcrire, in: Recherches, Cahiers de l’Immuable/1, Voix et voir, cit. 8-9; traduzione in: N.Turrini, Fernand Deligny, Sillabario Orthotes, 2018)

 

• LABORATORI DI CO-PROGETTAZIONE E PRESENTAZIONI PUBBLICHE

Il progetto QW. partiture collettive prende il via da tre laboratori co-progettati durante i mesi scorsi, durante i quali saranno sperimentate esperienze sensoriali e di relazione attraverso la pratica artistica. In un periodo di forte stress e limitazione, i laboratori si propongono di intensificare l’attività creativa della comunità di Mixité, indagando insieme bisogni, desideri e talenti di chi abita il centro. Questa necessità interseca perfettamente il desiderio di Standards di sperimentare il metodo di co-progettazione e intercettare contesti stimolanti per la produzione culturale cittadina.

Seppur usando strumenti differenti (il visivo, la danza, la musica), tra i diversi laboratori risuona l’idea di associare qualcosa a qualcos’altro, di unire, di legare insieme secondo un approccio diretto da chi che ne curerà lo svolgimento: Riccardo Arena – artista che indaga corrispondenze e significati simbolici delle immagini come strumenti di conoscenza, Sonia Brunelli – creatrice e interprete di un’idea di danza che si fonda su una sequenza d’immagini, su una formula, una composizione ripetibile, e i musicisti Attila Faravelli e Nicola Ratti – entrambi interessati a sperimentare pratiche di relazione tra suono, spazio e corpo.

Durante i tre laboratori, sarà composta una partitura che diventerà successivamente strumento di coinvolgimento attivo per il pubblico, per agire un’esperienza sia individuale sia collettiva. Alla fine di ciascun ciclo, è previsto un momento di restituzione e presentazione, che potrà essere in presenza o in remoto, agita dal vivo o nel formato di documentazione (a seconda delle disposizioni vigenti in materia di sicurezza Covid19). Questo primo momento è rivolto principalmente alla comunità che frequenta Mixité e potrà coinvolgere famiglie e amici, così come tutto il vicinato.

La prossima primavera, nel mese di maggio, il progetto QW. partiture collettive si aprirà a forme di fruizione rivolte a un pubblico più esteso, prevedendo interventi nello spazio pubblico, performance, incontri e occasioni di partecipazione collettiva.

 

• INFO LABORATORI

1. Laboratorio di arti visive (febbraio 2021)
a cura di Riccardo Arena
Polo Aggregativo Mixité – Via Zanoli 5 Milano

2. Laboratorio di musica e ascolto (febbraio 2021)
a cura di Attila Faravelli e Nicola Ratti
Polo Aggregativo Mixité – Via Zanoli 5 Milano

3. Laboratorio di danza (marzo 2021)
a cura di Sonia Brunelli
Polo Aggregativo Mixité – Via Zanoli 5 Milano

• INFO ARTISTI

Riccardo Arena è un artista, ricercatore e docente, la cui ricerca è votata a contemplare la trama di corrispondenze significative che legano forme, fenomeni, topografie e miraggi di coscienza. La sua pratica è orientata a indagare i contenuti filosofici e simbolici delle immagini attraverso la creazione di riflessioni visive, che sono concepite come formalizzazioni poetiche. Installazioni, film, disegni, stampe, libri, racconti, seminari e workshop sono orchestrati in articolate strutture narrative, in continua espansione e ridefinizione. Ecosistemi di forze astratte che combinando e armonizzando ricerca teorica e formale si pongono come dispositivi culturali di conoscenza immaginativa. http://www.riccardoarena.org

Sonia Brunelli è coreografa e danzatrice; studia arte e pratica un movimento atletico interrogandosi sulla rappresentazione di una forma artistica, sulla creazione di una danza libera da sovrastrutture e capace di sospendere il gesto nel tempo. È co-fondatrice del gruppo di performing arts Barokthegreat con cui stringe visioni e realizza composizioni sceniche sonico-gestuali. https://www.barokthegreat.info

Attila Faravelli è un sound artist e musicista elettro-acustico, approccia il suono in termini di fenomeno materiale e relazionale. Con la sua pratica esplora infatti le relazioni che intercorrono tra suono, spazio e corpo. È fondatore e curatore di Aural Tools, una serie di oggetti sonori semplici, il cui scopo è documentare il lavoro di alcuni musicisti non attraverso la pubblicazione di dischi (cd, cassette o vinili) ma indagando modi e processi specifici (materiali e concettuali) attraverso cui produrre suono. https://attilafaravelli.tumblr.com

Nicola Ratti è musicista poliedrico e sound designer attivo da anni in diversi ambiti sperimentali. La sua produzione sonora crea sistemi che prendono forma dalla ripetizione e dalla dilatazione, con particolare attenzione alla costruzione di ambienti che gravitano in relazione allo spazio e all’architettura che abitiamo e mettendo in bilico gli orientamenti emotivi e percettivi ai quali siamo abituati. https://www.nicolaratti.com

• INFO CASCINA BIBLIOTECA – CENTRO DIURNO e POLO AGGREGATIVO MIXITÉ

Cascina Biblioteca, cooperativa sociale di solidarietà a responsabilità limitata e nello specifico con uno dei suoi progetti/presidi territoriali e cioè il Polo Aggregativo Mixité, un centro diurno rivolto a bambini e bambine, ragazze e ragazzi con disabilità; Cascina Biblioteca è portatrice di valori fondamentali (tra i quali: responsabilità sociale, bellezza, diversità) che rendono Mixité una realtà unica e preziosa, capace di offrire ai sui abitanti la possibilità di sperimentarsi in attività ludico-ricreative, laboratori artistici e di piccolo artigianato e uscite esplorative del quartiere, imparare a essere dei buoni vicini di casa e sentirsi al centro della comunità – pratiche finalizzate a favorire l’autonomia e la socialità, vivere esperienze ludiche significative, creare un clima di fiducia, sperimentare attività nuove anche grazie a strumenti quali supporti visivi, CAA, modulazione delle attività ad personam.
https://cascinabiblioteca.it

______________________________________________________________

QW. partiture collettive
con Riccardo Arena, Sonia Brunelli, Attila Faravelli e Nicola Ratti
in collaborazione con Cascina Biblioteca – Centro Diurno e Polo Aggregativo Mixité

        

Il progetto è realizzato con il patrocinio e con il contributo del Comune di Milano

______________________________________________________________